Biografia - Claudio Cainelli, fotografo per passione

Vai ai contenuti

Menu principale:

Biografia

Sono nato nell`ospedale civile di Bolzano il 12 ottobre 1961.
Sono vissuto da sempre a Selva di Val Gardena, dove ho frequentato tutte le scuole.
Logicamente si parte con cinque anni di scuola elementare, tre anni di scuola media e infine cinque anni di scuola d'arte. Ho conseguito il diploma di maturità d'arte applicata. In parole semplici, un diploma di maturità che molti non conoscono o reputano di seconda categoria perché realizzato in una scuola d'arte...
Dopo aver fatto il servizio militare (1 anno a Pisa), era ora di cercare un lavoro per non vivere eternamente sulle spalle dei genitori.
Nonostante avessi frequentato la scuola d'arte, il mio primo impiego "serio" era un posto come trimestrale presso le poste. Questo posto lo ho potuto rinnovare altre due volte per un totale di nove mesi (come una gestazione!).
Poi sono andato a finire per ben quattro anni a fare le stagioni invernali ed estive presso un impianto a fune del paese. Poi il 01/08/1988 ho trovato un posto fisso presso gli impianti a fune del Seceda ad Ortisei. Là mi sono specializzato e sono riuscito a conseguire il patentino di macchinista di impianti ad agganciamento automatico (le cosiddette "ovovie") e di funivia a va e vieni (la classica funivia).
Il 16 ottobre 1993 mi sono sposato e sono andato a creare un nuovo nido 8 km più a valle, a Ortisei, dove tutt'ora vivo con la mia famiglia. La mia famiglia è composta da mia moglie Margit e tre terremoti maschi, nati negli anni 1994 (Stefan), 1998 (Matteo) e 2000 (Fabian).
Nelle mie fotografie li troverete spesso.
Sono al momento i miei "fotomodelli" preferiti!

Nell'anno 1990 sono diventato socio del Fotoclub Gherdëina per la prima volta. Da allora non ho più smesso di frequentare questo circolo fotografico. Dall'anno 2003 al 2012, per 10 anni, ho rivestito la carica di presidente dello stesso. La fotografia è per me veramente qualcosa di speciale, con la quale si può esprimere i propri sentimenti e pensieri.

Torna ai contenuti | Torna al menu